• Seguici su

    Seguici anche sulla nostra Pagina

Your search results

Le merende durante lunghi periodi in casa

Posted by Che scuola on 18 Marzo 2020
| 0

In questo momento di stress e noia, che merende possiamo proporre ai nostri figli?

In questo momento di allarme sanitario in cui i nostri bimbi e ragazzi sono costretti a una “vacanza forzata” a casa, spesso la noia può essere difficile da gestire, e anche i pasti possono diventare un problema.

Il tempo passato davanti alla tv o a giocare talvolta diventa un momento per mangiare, senza un reale bisogno, merende sbagliate, poco nutrienti ma ricche di zuccheri e grassi. Attenzione, ricordiamoci sempre che per crescere bene i nostri figli è importante mangiare bene, anche durante lunghi periodi in casa.

Oltre alla noia sicuramente i bambini e i ragazzi percepiranno la tensione e lo stress che purtroppo noi adulti stiamo vivendo e questi sentimenti, oltre al cibo sbagliato e poco nutriente, possono essere concausa dell’indebolimento delle difese immunitarie, che a maggior ragione in questo specifico periodo dovrebbero essere rafforzate e non diminuite. Lo stress, infatti, causa stati di infiammazione fisiologica che sono alla base delle più banali influenze.

La giusta alimentazione, a partire da una sana merenda può essere un’importante arma da giocare a nostro vantaggio per aumentare le difese e tenere bassa l’infiammazione silente nei nostri bimbi e ragazzi e, inoltre, può essere anche un modo per combattere la noia.

Cosa possiamo fare quindi per offrire le merende giuste?

Certamente è utile fare un “buon carico” di frutta e verdura, che grazie all’alto contenuto di vitamine, antiossidanti e molecole detossificanti permettono di mantenere alte le difese e di stimolare il fegato, pancreas e reni, per rimanere sempre attenti e reattivi!

Può essere divertente preparare insieme golose merende a base di frutta e verdure sotto forma di estratti e frullati, meglio con frutta e verdura di stagione, invitate sempre i bimbi a “giocare” con voi in queste preparazioni.

Anche pane e focacce fatte in casa possono essere un buon modo per passare il tempo, mettere “le mani in pasta” può essere un momento importante soprattutto per la crescita dei più piccini che poi assaggiano i loro lavori. Queste merende possono essere condite con un cucchiaino di olio extra vergine e un pizzico di sale o meglio di gomasio (sesamo e sale), e con polpa di pomodoro, oppure se si preferisce un cucchiaino di marmellata o miele.

Anche il dolce è più nutriente se preparato in casa, chi di noi non ricorda quando da bambini si preparavano le torte con le mamme o le nonne, oppure golose crepes, chissà che i nostri figli non ricordino questo periodo come un difficile momento ma comunque di crescita!

Alcuni preferiscono il latte o ancora meglio lo yogurt o il kefir, questi possono essere valide merende, contribuiscono infatti a nutrire il microbiota intestinale (flora batterica residente nell’intestino) che deve essere mantenuto in buono stato per contribuire ad aumentare le nostre difese immunitarie. Agli yogurt possono essere aggiunti cereali e frutta secca come mandorle, noci e nocciole, ricchi di vitamine del gruppo B indispensabili per mantenere il cervello sempre attivo!

Infine poter godere del sole permette di fare un buon carico di vitamina D indispensabile per aumentare le difese immunitarie, ma non è sufficiente assumerla dai cibi, ha bisogno della luce del sole per essere attivata, per cui chi ha la fortuna di avere un bel terrazzo o un giardino deve sfruttare questa opportunità, e magari organizzare le merende all’aria aperta!

Oltre alle merende sfruttiamo questo periodo per imparare nuove ricette e coinvolgiamo i nostri figli, sarà un vantaggio per tutti! Forza!

 

Paola Camoletto – Biologa Nutrizionista – Che Scuola

Leave a Reply

Your email address will not be published.

La mia lista